Quattro inediti di Jacopo Pellegrini

AL RIVERBERO DELLE VETRATE CONTROLUCE

Ecco questa preghiera,
Padre, oggi che tra le strade
dei pensieri ricordo
che eri ospite frequente
all’anima assente tra gente
poco accorta di passi
lacrimevoli.
Così il dolore è divenuto
un tormento sordo, uno scherzo stanco
nel brontolio del tempo,
che nasconde la mano
che ci conduce al bordo
della vita, al termine
caro dove mi attendo
una parola tanto piena
da non donare peso.
Offri questo a chi amo
e più dolce sarà scordare
il giovanile malinteso:
il tempo speso insieme
che non avrà ritorno.

AUTOMAT(Dennis Hopper)
(A Rosalina)

Chi lo sa se è più scuro
il buio alle mie spalle
o il fondo della tazza?
Se saprò dare un nome
al silenzio, se attendo
compaia dietro il muro,
o il momento di andare?
Ho tolto solo un guanto
non di sfida al destino,
ma di raccoglimento,
perché non cada il caffè
a chi sfugge la vita.

*
Mi trovo
a cercare nel tuo volto
il mio,
come non fossi sempre
tuo padre
anche se fossi diversa.
Che stupida gioia
sentire: “assomiglia al papà”.
E’ che sei bella
e non solo per il tuo
piccolo naso
o gli occhi grandi
e vivi,
ma perché sorridi
alla vita
e ne vedi il bello.
Sono io che ho
il desiderio di assomigliarti,
lo strano orgoglio
di essere tuo padre.

*
Sdraiato sul divano
cerco di ricordare chi sono
mentre la frittella della sagra
saltella nello stomaco:
le pastiglie sono troppo lontane.
La notte è stata vissuta
e non dormita,
e il cane riposa sul divano,
beato lui.
Gattoboy palloncino mi spia
dal soffitto,
la risonanza da guardare per martedì
è dietro lo schienale,
c’è tempo,
la TAC di lunedì è nel computer,
è sul tavolo, quello distante.
Lunedì è domani,
lunedì è una manciata di ore.
Sento i tuoi passi galoppare
sempre più vicini,
si stampano sull’orecchio,
compaiono,
arrivano,
si fermano.
Hai le guance delicate
e gli occhi veri.
Vuoi giocare ancora.
Lunedì è domani,
oggi è ancora alcune ore.
Eccomi amore, a che cosa?

 

_________________

Jacopo Pellegrini (1981) è nato a Belluno e vive a Valdobbiadene, dove esercita la professione odontoiatrica.  In ambito poetico ha pubblicato il libro Traslucido (Edizioni del Leone, 2007).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *